Dal teatrekking ai canti tradizionali: il Progetto Montagna a Pordenone

Dalla collaborazione tra CAI e Teatro Verdi di Pordenone nasce un festival imperdibile per chi ama la montagna. Parole d'ordine: valorizzazione dell'ambiente, del territorio e di chi ci vive: un calendario ricco di spettacoli, concerti e incontri letterari

7 giugno 2023 - 8:20

Progetto Montagna 2023, alla riscoperta della montagna

Il Progetto Montagna 2023, nato nel 2021 grazie alla collaborazione tra il Teatro Verdi e il CAI Sezione di Pordenone.

Si propone di sensibilizzare sulle tematiche legate alla montagna e all’ambiente montano.

Per questo il progetto mira a stimolare la riflessione sulla salvaguardia della natura, il cambiamento climatico globale e il problema dello spopolamento delle zone montane.

L’obiettivo principale è promuovere una fruizione consapevole della montagna,

Le comunità locali e il pubblico meno abituato alla vita in quota diventano protagonisti insieme.

Il cartellone delle iniziative prevede spettacoli e concerti inseriti in modo sostenibile nell’ambiente.

Nell’edizione del 2023, il progetto assume una dimensione nazionale grazie alla partnership tra il Teatro Verdi e il Club Alpino Italiano.

Una rassegna per l’estate e l’inverno

Sono ben 11 gli appuntamenti previsti durante l’estate e l’inverno.

Erto e Casso, Castello Ceconi a Pielungo, Grotta di Pradis, Casera Ceresera, Polcenigo e Barcis ospiteranno gli eventi.

La rassegna avrà inizio il 30 giugno con la premiazione del concorso teatrale “Oltre le nuvole” presso il Teatro Verdi.

Il concorso, organizzato dal Teatro Verdi e dal Club Alpino Italiano, ha l’obiettivo di promuovere testi teatrali inediti sulla montagna e sull’ambiente.

Il vincitore di questa prima edizione è l’autore, attore e regista Christian Gallucci.

Oltre agli spettacoli teatrali, il programma prevede concerti, incontri di approfondimento scientifico e altre iniziative culturali.

In inverno si terrà il “Concerto per la Montagna” in occasione della Giornata Internazionale della Montagna.

Il presidente del Teatro Verdi, Giovanni Lessio, ha sottolineato l’importanza di promuovere l’attenzione verso la montagna.

“Con un Concorso nazionale di drammaturgia” – ha dichiarato – “eventi artistici, approfondimenti letterari e scientifici, il Verdi vuole arrivare alle vette della multidisciplinarietà, unendo in modo inedito l’arte, la cultura e il paesaggio montano”.

 

Il calendario degli eventi: dal teatrekking ai canti tradizionali

2 Luglio – Teatrekking con Fausto de Stefani

Il teatrekking unisce al trekking, quindi il camminare in montagna, le suggestioni di testi teatrali e letterari.

Gli attori Mattia Fabris e Jacopo Maria Bicocchi accompagnano il pubblico in questo felice connubio tra natura e cultura con lo spettacolo “Anche i sogni impossibili. Il quindicesimo ottomila di Fausto De Stefani”.

Fausto De Stefani è il secondo alpinista italiano e sesto al mondo ad aver scalato tutti i 14 ottomila.

9 luglio – Concerto nella foresta

Spazio alla musica con il concerto in programma a Castello Ceconi, imponente dimora neogotica immersa nella foresta Ceconi a Pielungo, in Val d’Arzino.

Damiano Grandesso al sax e Marcello Grandesso alla fisarmonica presenteranno una selezione di grandi colonne sonore.

In programma musiche di Richard Galliano, Pedro Iturralde, Javier Girotto, Astor Piazzolla, Luis Bacalov, Ennio Morricone e Bepi de Marzi.

 

16 luglio – Voce e chitarra in Grotta

Nella magica Grotta di Pradis, a Clauzetto, si terrà lo spettacolo “Piccoli funerali”, con Maurizio Rippa alla voce e Amedeo Monda alla chitarra.

Una partitura drammaturgica e musicale dedicata alla memoria delle persone amate.

 

23 luglio – Arti e mestieri, letture e musica

Ancora musica e parole protagoniste dell’appuntamento di domenica 23 luglio alle 16.00 a Casera Ceresea (Polcenigo).

Ideato da Alberto Massarotto, si alterneranno letture di Moreno Coràe con brani di raro ascolto.

Da non perdere i duetti per due corni di Mozart, per scoprire questo affascinante strumento così adatto a rievocare la montagna.

 

30 luglio – Canti tradizionali di montagna

Marco Cola e Mauro Verona con i loro corni condurrano il pubblico nel mondo dei Canti di Montagna.

Alle 18 nella Chiesa San Giovanni Battista, a Barcis, si esibirà il Coro scaligero dell’Alpe, coro a voci pari maschili ‘a cappella’.

Nato nell’immediato dopoguerra nel centro di Verona, è in assoluto uno dei più longevi sul territorio nazionale.

Informazioni e prenotazioni

 www.teatroverdipordenone.it

Biglietteria tel 0434 247624 – biglietteria@teatroverdipordenone.it

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Yosemite Firefall: l’incredibile cascata di fuoco sulla parete di El Capitan

Vacanza Trekking: idee e consigli per viaggi organizzati, di gruppo e per single

Trentino, valanga travolge due scialpinisti sulle Pale di San Martino: uno grave