Soccorso alpino: le 10 regole per escursioni sicure

Il Soccorso alpino e speleologico della Calabria ha pubblicato un vademecum con una serie di consigli utili per escursioni e trekking in sicurezza. L'obiettivo è prevenire gli incidenti in montagna

5 agosto 2022 - 9:31

Il Soccorso alpino e speleologico della Calabria ha pubblicato una serie di importanti regole per prevenire incidenti durante i trekking estivi.

Questo decalogo ha l’obiettivo di informare e sensibilizzare gli appassionati sui rischi della montagna e dell’outdoor, specialmente in questo periodo estivo in cui migliaia di persone percorrono sentieri e cammini.

Vediamo quali sono le poche regole semplici ma efficaci per prevenire incidenti e trascorrere una piacevole giornata in montagna, secondo il S.a.s.c. (Soccorso Alpino e Speleologico Calabria):

  1. Prepara, preventivamente, il percorso, valutando la presenza di fonti di approvvigionamento di acqua.
  2. Scegli un percorso adatto alla tua preparazione tecnica e alla tua condizione psico-fisica, tenendo in considerazione la lunghezza, il dislivello ed eventuali difficoltà tecniche.
  3. Scegli equipaggiamento idoneo. Se fai escursionismo, non possono mancare scarponcini tecnici, borraccia (almeno 2,5 litri di acqua a testa), giacca antipioggia, cibo, una pila frontale e un kit di pronto soccorso.
  4. Consulta sempre i bollettini metereologici. Nei mesi estivi, i temporali sono uno dei maggiori pericoli sulla montagna.
  5. Meglio non andare da soli in montagna, in caso di difficoltà si può sempre contare sull’aiuto reciproco.
  6. Comunicare a familiari e/o amici l’itinerario che verrà percorso e l’orario stimato del tuo rientro. Queste informazioni possono risultare fondamentali in caso di emergenza.
  7. Affidati a un professionista della montagna.
  8. Presta attenzione alla segnaletica lungo l’itinerario. Segui bene i cartelli con le indicazioni dei sentieri (numero e destinazione), e le indicazioni che trovi lungo il percorso, i segnavia di colore bianco e rosso. Ricordati sempre di portare con te una mappa del percorso (cartacea o digitale).
  9. In caso di imprevisti, sii consapevole e rinuncia. Se cominci a sentirti stanco, se hai dubbi sul percorso o se il tempo comincia a peggiorare, meglio tornare indietro lungo la strada già conosciuta, piuttosto che rischiare di proseguire.
  10. Attiva l’app “salvavita” GEORESQ sul cellulare! Aiuterà noi soccorritori a trovarti in caso di bisogno.

In caso di incidente o infortunio il numero da chiamare è il 112 o il 118 richiedendo espressamente che sia allertato il Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Oltre 20mila persone morte in Europa per le ondate di calore

A 83 anni Angela, dopo quasi 1000 km a piedi, completa il Cammino di Santiago in solitaria

Lombardia, pericoli outdoor invernale: 3 giorni di formazione con le guide alpine