Sleddog, la slitta trainata dei cani: le origini e la disciplina oggi

Le slitte trainate dai cani in molti paesi del Nord sono state per lungo tempo l'unico mezzo di trasporto disponibile. Si chiamano Sleddog e oggi questa tradizione resiste ancora al tempo, vi raccontiamo la nostra esperienza sulla slitta trainata sulla neve dagli husky

19 marzo 2020 - 14:07

L’emozione di una corsa sulla neve, seguendo una pista battuta tra vento e orizzonti bianchi, diventa un’esperienza unica se vissuta a bordo di una piccola slitta trainata da un gruppo di amici a quattro zampe.

Lo sleddog è una pratica antichissima utilizzata da eschimesi, indiani atabàskan e pionieri per lunghi spostamenti da un villaggio all’altro quando, essendo questo l’unico mezzo di trasporto, era necessario caricare sulla propria slitta viveri e materiali di ogni tipo.

Oggi si tratta di un vero e proprio sport con campionati nazionali e internazionali dove si confrontano numerosi team, composti dai muscher – conducenti delle slitte – e dalle loro mute di cani nordici.

Questi animali sono di razze che presentano caratteristiche specifiche per la corsa con slitta come Siberian Husky, Alaskan Malamute, Samoiedo e Groenlandese.

Questa disciplina è gestita in Italia dalla Federazione Italiana Musher e Sleddog Sport.

Ma il mondo degli appassionati di sleddog non contempla solo l’agonismo, che comporta dedizione e allenamento costante al pari di qualsiasi altro sport.

Centri specializzati ed eventi dedicati interamente a quest’attività – in proposito segnaliamo il Club SE.R.A.M., Sezione Razza Alaskan Malamute del Club Italiano Razze Nordiche – consentono ai proprietari di cani nordici, ma anche agli amanti della natura, di provare a condurre la slitta sul manto imbiancato, all’interno di percorsi particolarmente facili e sotto la scrupolosa guida di personale esperto.

In equilibrio sui pattini del piccolo mezzo, l’aria pungente dell’inverno ci trasporterà lontano, nella storia di qualche cercatore d’oro o tra i gelidi pianori dello sconfinato Nord, per poi tornare a stupirci della corsa potente ed elegante dei nostri compagni di viaggio.

Questi cani con il loro bellissimo pelo mosso dal vento e spruzzato di neve: ciascuno di loro sta dando il meglio di sé, inseguendo un istinto primordiale che ricorda quello dei lupi tra i boschi ma che, nei cani da slitta, è molto di più.

Maestosi, resistenti, dotati di una straordinaria intelligenza, fedeli e mai servili, corrono uno accanto all’altro rispettando un ruolo preciso, unendo le proprie forze per un obbiettivo comune donando loro stessi alla muta e a chi li guida, condividendo la fatica e la gioia, le difficoltà e la libertà di un’uscita sulla neve.

Un piccolo branco affiatato, di cui, anche se per poche ore, avremo l’onore di far parte.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Piemonte, Parco Nazionale Val Grande: il calendario delle escursioni guidate

Friuli Venezia Giulia estate 2022: guida completa agli eventi outdoor

Soccorsi, sindaco sardo: serve obbligo assicurazione per trekking fai da te