Soccorso alpino italiano in Turchia per estrarre speleologo americano intrappolato

46 tecnici del Soccorso alpino e speleologico italiano sono arrivati in Turchia per tenare il recupero di uno speleologo statunitense bloccato in una grotta a 1000 metri di profondità da sabato scorso. La prima squadra italiana è entrata nella cavità rocciosa nel pomeriggio di giovedì 7 settembre

8 settembre 2023 - 7:32

Mark Dickey, uno speleologo americano di 40 anni, si è sentito male mentre si trovava in una delle grotte più profonde della Turchia.

Si tratta della Grotta Morca, costituita principalmente da pietra calcarea, che è la terza più profonda del paese e raggiunge i 1.276 metri di profondità.

A causa dei sintomi di una emorragia gastrointestinale, l’uomo non è più riuscito ad intraprendere la via per uscire dalla grotta, che è lunga più di 3 chilometri.

I compagni di spedizione hanno immediatamente allertato le squadre di emergenza, che sono intervenute sul luogo per tentare il recupero.

La profondità della grotta e le precarie condizioni di salute del cittadino americano hanno reso però molto complicati i soccorsi.

La European Cave Rescue Association, un’organizzazione europea che promuovere lo scambio di conoscenze nel campo del soccorso speleologico, ha dichiarato in un comunicato di aver ricevuto una prima segnalazione dell’emergenza sabato 2 settembre.

Dopo i primi contatti con le autorità locali, è presto diventato chiaro che l’uomo, un esperto di caverne e soccorritore, non era in grado di lasciare la grotta autonomamente.

Sul posto stanno arrivando squadre di soccorso da tutto il mondo, anche l’Italia ha inviato delle unità del Soccorso alpino e speleologico.

 

L’intervento delle squadre italiane in Turchia

Sul posto sono arrivati 46 tecnici del Soccorso alpino e speleologico italiano che saranno impegnati nelle operazioni di recupero.

La prima squadra italiana è entrata nella cavità rocciosa nel pomeriggio di giovedì 7 settembre.

Mercoledì mattina la prima squadra di 8 soccorritori del Soccorso alpino e speleologico è partita dall’Italia, per arrivare al campo base situato nei pressi della grotta Morca, nella provincia di Mersin, solo la notte successiva.

Nel pomeriggio di ieri è entrata in grotta la prima squadra italiana di 6 tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico, compresi un medico e un infermiere, che poche ore fa ha raggiunto lo speleologo statunitense.

Nella serata di giovedì 7 settembre, dall’aeroporto militare di Pratica di Mare, è partito un volo dell’Aeronautica che ha trasportato in Turchia diverse squadre composte da un totale di 33 tecnici esperti nella progressione e soccorso in grotte profonde, a supporto dei soccorritori che già stanno operando.

Una volta atterrati in loco, l’esercito turco li ha elitrasportati nei pressi dell’ingresso della grotta, dove negli scorsi giorni è stato allestito un campo base.

Un’ulteriore squadra composta da 5 tecnici del CNSAS, a bordo di due furgoni contenenti materiale logistico, si è imbarcata mercoledì sera dal porto di Brindisi alla volta della Grecia, ed è in fase di arrivo al campo base.

In Turchia sono dunque presenti da questa mattina 46 operatori del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico.

Al momento, oltre all’Italia, sono diverse le nazioni coinvolte in questa complessa operazione – coordinata dall’AFAD, l’ente turco di Protezione Civile – tra queste la Bulgaria, la Polonia e l’Ungheria.

L’associazione ha affermato che il salvataggio dalla grotta Morca, nel sud della Turchia, sarebbe stato impegnativo data la profondità del signor Dickey.

 

Notizia in aggiornamento

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Zecche: rischi, prevenzione e intervento. I consigli delle Guide Alpine

Monti Sibillini, misure per limitare gli accessi durante le fioriture di Castelluccio di Norcia

Le nuove funzionalità di iPhone per gli appassionati di trekking: ecco gli aggiornamenti di iOS 18