Dal Trentino alla Lombardia, altro weekend di incidenti mortali in montagna

Ogni fine settimana gli itinerari che attraversano le vallate alpine vengono percorsi da migliaia di trekker ed escursionisti. Spesso però l'impreparazione o le condizioni metereologiche provocano incidenti e impegnano i soccorsi

25 luglio 2022 - 9:08

Un fine settimana che ha visto il soccorso alpino impegnato in numerosi interventi per recuperare escursionisti ed alpinisti in difficoltà. Gli incidenti più gravi si sono però verificati in Lombardia e Trentino Alto Adige, dove ci sono state tre vittime.

 

Incidenti sulle montagne bergamasche

Domenica 24 luglio un uomo di 68 anni stava percorrendo un sentiero sulle montagne bergamasche, sui monti di Valbondione, quando ha accusato un malore ed è precipitato dal sentiero per decine di metri. Sul posto sono intervenuti gli uomini del soccorso alpino per recuperare la salma.

L’incidente è avvenuto appena 24 ore dopo un altro grave episodio che è costato la vita ad un uomo di 41 anni, che si trovava sul Pian de l’Aser, sull’itinerario per il rifugio Brunone, sempre in Valbondione, quando è caduto per 70 metri mentre stava cercando di riempire la borraccia d’acqua da un ruscello.

L’uomo nella caduta ha riportato ferite mortali, l’elisoccorso di Areu di Sondrio è intervenuto, insieme ai Carabinieri, per constatare la morte dell’escursionista e recuperare il corpo.

 

Vittima in Trentino, caduto da una ferrata

Un’altra vittima sul massiccio del Cantinaccio in Trentino-Alto Adige. Un escursionista inglese di 56 anni ha perso la vita cadendo dalla ferrata Santner.

Sul posto sono intervenuti il soccorso alpino, la Guardia di finanza e l’elisoccorso, l’uomo non è sopravvissuto alle ferite riportate nella caduta.

La coppia di trekker stava percorrendo, in discesa, la via ferrata del Passo Santner in direzione rifugio Coronelle quando, intorno alle ore 14, l’uomo ha perso l’equilibrio ed è caduto per una trentina di metri.

Si tratta del secondo incidente mortale nel giro di una settimana su questa ferrata, infatti il 16 luglio un escursionista del Friuli Venezia Giulia di 55 anni è morto dopo essere precipitato sempre dalla ferrata Santner, una delle più famose delle Dolomiti che porta dal rifugio Fronza a passo Santner e da lì nella valle del Valojet.

Il soccorso alpino invita gli appassionati di montagna ed outdoor ad una frequentazione consapevole della montagna, evitando di affrontare sentieri e percorsi senza la giusta attrezzatura e preparazione.

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Fulmini e temporali in montagna: i consigli del soccorso alpino

Club Alpino Italiano e guide alpine insieme per riqualificare le falesie

Val di Fassa: 11 escursionisti salvati dal soccorso alpino