La leggenda dei Dirtbagger: arrampicatori hippy nello Yosemite Park

Non volevano vivere una vita ordinaria, non amavano il traffico, la città e non inseguivano il sogno americano. Il loro ideale era vivere a contatto con la natura, concentrandosi sulla qualità del tempo, che passavano a camminare nei boschi e ad arrampicare sulle pareti rocciose dello Yosemite Park. Erano i Dirtbagger, scalatori selvaggi, che hanno incarnato il mito della wilderness americana.

10 febbraio 2021 - 11:39

Subito dopo la fine della seconda guerra mondiale, quando l’occidente si preparava ad affrontare un decennio di forte crescita economica, passato il periodo buio del conflitto e della grande depressione, un gruppo di persone decide di lasciare città e periferie per andare vivere nella natura.

Liberi da vincoli, fuori dagli schemi della società, disinteressati al sogno americano, per queste persone c’era un richiamo più forte, quello della natura.

Venivano da città che erano viste come l’eldorado: San Francisco e Los Angeles, sognate da tanti europei, erano invece detestate da chi invece ci era nato e cresciuto ai margini, in periferie grigie, degradate e assediate dal traffico.

In quel momento storico, alcuni americani amanti della natura e con in testa il sogno di una vita libera decidono di voltare le spalle alla città e di guardare verso le montagne dell’entroterra della California.

Una macchina di seconda mano, qualche vestito, scarponcini comodi, corde per arrampicare e via lungo le highways californiane puntando verso le catene montuose che segnano il confine col Nevada.

Chi parte da sud deve arrivare a Fresno, da nord invece si raggiunge la capitale Sacramento e poi si va verso l’interno, si lasciano poi le carreggiate dell’autostrada per seguire le statali che puntano verso le montagne.

Ad ogni miglio percorso le case e i centri abitati lasciano lo spazio alla natura, in un primo tratto ancora piuttosto brulla, ma ben presto si intravedono il verde e le vette che sono il cuore di uno dei parchi naturali più conosciuti al mondo: lo Yosemite National Park.

Proprio in questo parco è nata una delle più affascinanti storie della wilderness americana, anzi mondiale. Un’area naturale diventata nota in tutti gli Stati Uniti già molti anni prima, grazie agli scritti e alla attività di celebre autore americano.

 

Yosemite National Park: un simbolo per la vita selvaggia

Lo Yosemite Park ha avuto una vita travagliata fin dalla sua nascita, infatti quell’area ricca di boschi e pareti rocciose era diventata ben presto una meta turistica rinomata per i californiani, specie di San Francisco, che dista solo 200 miglia.

Un turismo che stava diventando di massa, tanto che alcuni uomini d’affari già intravedevano la possibilità di costruire dei grandi resort in quelle meravigliose vallate.

In quegli stessi anni, nella seconda metà dell’800, un giovane naturalista di nome John Muir, subito dopo essere sbarcato a San Francisco da un transatlantico proveniente dalla Gran Bretagna, decide di non fermarsi, come tutti, nella grande città ma di mettersi in cammino per la natura selvaggia.

Seguendo le indicazioni di alcune persone incrociate al porto si muove verso est, per diversi giorni, fino ad arrivare nelle valli di Yosemite.

Quando si trova al cospetto di questi monti rimane incantato. I boschi di sequoie, i torrenti e  le monumentali rocce scolpite dal tempo  diventano presto la sua ragione di vita.

Proprio l’amore di Miur per quell’ambiente naturale ha portato alla nascita dello Yosemite National Park.

Negli anni successivi lo scrittore dedicata tutta la sua vita allo studio di quell’ecosistema, scrivendo libri e battendosi perché quello scrigno di biodiversità fosse protetto.

Nel 1889, poco più che cinquantenne, Muir si accampa con Robert Underwood Johnson, un redattore della rivista Century, a Tuolumne Meadows, dove aveva lavorato come pastore nel 1869.

Insieme escogitano un piano per creare uno Yosemite National Park di 1.200 miglia quadrate, tornati in città, contattano alcuni membri del congresso e preparano una proposta di legge che sarà approvata l’anno successivo.

I racconti e i romanzi di Muir narrano l’anima di quel parco incontaminato nel cuore della California e gettano il seme di quel mito della wilderness che esploderà negli anni ‘50 del novecento e che vede proprio nel Dirtbagging una delle espressioni più autentiche.

Quando ha 56 anni John Muir è ormai un’icona della cultura e dell’ambientalismo americano, tanto che riesce a convincere il Presidente Theodore Roosevelt ad andare con lui nei boschi di Yosemite, accampandosi nella natura.

Tre giorni di wilderness vera, in cui Miur fa perdere le tracce del Presidente anche ai servizi segreti. Proprio durante quelle giornate di cammino lo scrittore convince il presidente ad espandere il sistema dei parchi nazionali.

Le parole e le suggestioni di John Muir risuonavano nella testa di questi pionieri della wilderness, che vedevano proprio nello Yosemite National Park la loro meta prediletta.

Un po’ folli e un po’ visionari decidono di lasciarsi alle spalle il superfluo e la speranza di una vita agiata in città per inseguire il sogno di una vita che segue i ritmi e i tempi della natura, godendo di ogni singolo attimo di vita.

 

Questi hippy con la passione per natura arrivano nel parco

Superati i confini del parco l’ambiente naturale è maestoso, la strada si arrampica a quote sempre maggiori mentre si attraversano foreste di sequoie secolari alte decine di metri.

All’orizzonte ormai si possono vedere chiaramente le maestose e verticali pareti di roccia granitica di El Capitan e dell’Half Dome, di cui tanto ha scritto proprio John Muir nelle sue opere e ritratte anche dagli scatti del pioniere della fotografia Ansel Adams.

L’ente parco era riuscito a preservare l’ambiente della Yosemite Valley che si presentava ancora intatto e selvaggio, un parco di straordinaria bellezza, al confine tra gli Stati Uniti e il Nevada, che agli occhi di questi visitatori è il luogo ideale per vivere outdoor.

Percorrere le strade del Parco per questi uomini è un sogno che si avvera, essere totalmente immersi nella natura selvaggia, incontaminata e maestosa.

Il loro sogno americano è poter vivere in questi luoghi, liberi dai ritmi frenetici di una società che ha come unici valori il guadagno e l’accumulo di ricchezza.

Per questi ragazzi invece l’unico valore è il tempo, che deve essere vissuto nel miglior modo possibile, che per loro significa stare nella  natura, arrampicare, fare lunghi trekking e stare in comunità.

Il denaro serve solo per l’essenziale, qualche vestito e la poca attrezzatura necessaria ad arrampicare, il superfluo non trova spazio nei loro piani.

Arrivati nel Parco capiscono che quello è il luogo in cui vivere. Dentro le loro grosse station wagon hanno tutta la loro vita: qualche vestito, scarpe comode, corde, imbraghi e moschettoni per affrontare le pareti.

Lungo la strada che porta verso il cuore del Parco si trova un famoso campeggio, il Camp 4, che diventerà la loro casa.

Iniziano a vivere secondo i ritmi della natura, passano il loro tempo nei boschi, camminano, esplorano il parco e iniziano ad arrampicarsi su quelle mastodontiche pareti rocciose, che negli anni successivi avrebbero attratto alpinisti da ogni parte del mondo.

Nel fiume Merced, che scorre nel bel mezzo del parco, il pesce non manca e quello sarà il menù di gran parte dei loro pasti, coltivano qualche verdura e non hanno bisogno di molto altro.

Per diversi anni questi alpinisti ribelli sono una comunità abbastanza piccola, qualche decina di persone, ma col passare degli anni e col passaparola il Dirtbagging diventa una vera e propria leggenda.

La sua fama cresce di pari passo con la rivoluzione culturale degli anni ‘60, questa comunità di scalatori, che vive nel parco di Yosemite e passa le giornate tra boschi e pareti rocciose scalate ben presto diventa leggendaria.

Tra questi gruppi di amanti dell’outdoor si sono formati alcuni degli scalatori americani più forti di sempre, che avevano trovato nel Dirtbagging la condizione migliore per allenarsi e sviluppare le proprie capacità.

Giorni interi ad arrampicare, su pareti molto difficili e in una comunità di scalatori con cui confrontarsi per scambiarsi consigli e suggerimenti.

Sull’Half Dome e su El Capitan per anni questi ragazzi hanno aperto nuove vie e battuto record di velocità sulle vie già aperte, anni d’oro per il loro movimento, che per almeno un decennio ha rappresentato forse uno dei migliori esempi della comunità hippie.

 

Il Dirtbagging comincia a dare fastidio

La fama di questa comunità ben presto arriva in tutta la California e in gran parte degli Stati Uniti, decine di ragazzi arrivano nello Yosemite National Park col desiderio di unirsi ai Dirtbagger.

Nel giro di poco tempo il numero di persone che vive accampata nel Camp 4 aumenta e le autorità del Parco sono costretta a prendere provvedimenti e sgomberare l’area di sosta.

In un primo momento viene introdotto il limite di due settimane per la permanenza nel campo, ma la presenza di questi arrampicatori sta infastidendo gli albergatori e i ricchi ospiti che si recano nel parco per le vacanze. Così l’amministrazione del parco dichiara la pratica del Dirtbagging fuori legge.

Questo non ferma però questi appassionati, che non capivano perché non potessero vivere nella natura selvaggia, nella terra che è di tutti, senza dover rendere conto a nessuna autorità.

Da questo momento la loro vita diventa ancora più avventurosa, costretti a lasciare il campo iniziano a vivere in mezzo ai boschi oppure in alcune grotte poco distanti dall’accampamento.

Devono imparare perfino a convivere con gli orsi, che abitavano proprio quelle grotte. Il fatto che non sia più possibile vivere tutti insieme sfalda la comunità, alcuni lasciano il parco e abbandonano il sogno, per quelli che restano la vita si fa più dura.

Prima i pochi soldi di cui avevano bisogno se li procuravano vendendo corde e imbraghi costruiti a mano, ora che sono “fuorilegge” anche questa piccola fonte di denaro viene meno.

Le cose si fanno difficili, anche i più duri e puri iniziano a vacillare fino a che dal cielo non arriva un aiuto inatteso a cambiare le loro vite.

Durante una giornata d’inverno del 1977, mentre i Dirtbagger sono intenti a pescare qualche pesce per mangiare, in lontananza si sente un ronzio nel cielo, all’orizzonte compare un piccolo aereo che perde quota e, dopo pochi istanti, il tonfo.

L’aereo cade in un lago ghiacciato, dopo poche ore sul posto ci sono polizia ed F.B.I., il velivolo era di un cartello della droga che lo usava per trasportare la merce. Impossibile però recuperarlo prima della primavera, così le operazioni vengono rimandate.

Il freddo può fermare la polizia ma non i Dirtbagger, abituati a questo clima. Alcuni di loro prendono una macchina e vanno in città per recuperare delle mute e materiale da immersione.

Riescono a recuperare dall’aereo diversi quintali di marijuana, grazie a questo ritrovamento la loro vita cambia, infatti con i proventi della vendita riescono a comprarsi delle attrezzature di nuova generazione e a mettere da parte un po’ di scorte di cibo e viveri.

Questo dono improvviso gli permette di dare nuova spinta alle loro avventure, in primavera con le nuove attrezzature e con qualche agio in più, possono affrontare di nuovo le pareti rocciose pieni di energie

In quegli anni aprono molte nuove vie sulle pareti dell’Half Dome e di El Capitan che saranno percorse nei decenni successivi da migliaia di scalatori e sulle vecchie vie vengono stabiliti nuovi record.

Insomma dopo qualche anno di appannamento torna la leggenda dei Dirt Bagger, che ha già influenzato più di una generazione di amanti dell’outdoor e di appassionati di arrampicata.

Anche Alex Honnold, uno dei climber più forti del mondo, è cresciuto sulle pareti dello Yosemite National Park, seguendo le vie aperte dai padri fondatori del Dirt Bagging.

Non ha fatto direttamente parte del movimento, negli anni ‘60 e ‘70 non era ancora nato, ma nonostante ciò la leggenda di questa comunità di arrampicatori liberi lo aveva colpito fin da piccolo facendo nascere in lui la passione per l’arrampicata.

Per migliorare come arrampicatore anche lui ha passato diverse estati nello Yosemite National Park arrampicando tutto il giorno su quelle pareti rocciose, seguendo i consigli di alcuni vecchi Dirtbagger che ha incontrato nel parco durante i primi anni di arrampicata.

Una storia irripetibile che ha lasciato un segno

Quella dei Dirtbagger è stata una storia irripetibile, una comunità di persone che ha deciso di vivere nella natura, con pochissimi beni materiali e praticamente senza soldi.

Una quotidianità fatti di escursioni, trekking e tante scalate sulle mastodontiche pareti rocciose di Yosemite, persone che avevano come valore il tempo, che doveva essere di qualità, quindi vissuto in natura e in compagnia.

Lo hanno detto e lo hanno fatto, fino a scontrarsi con il potere costituito, che nel loro piccolo mondo era quello dei ranger che li avevano banditi dalle aree di sosta.

Non avevano mai accettato questa decisione, per loro la natura deve essere rispettata, protetta ma sempre accessibile.

Nessuna autorità dovrebbe poter impedire di stare liberi nei boschi, il loro compito dovrebbe essere semmai quello di proteggere quei boschi dalla distruzioni dell’uomo.

Quello tra questi arrampicatori liberi e i ranger, tra il loro modo di vedere il mondo e quella visione di società dell’America del dopoguerra è un conflitto che è andato avanti per anni.

Ancora oggi negli Stati Uniti si parla di terre pubbliche e della necessità di tutelarle e toglierle dal controllo di privati o aziende, affinché rimangano libere e di tutti.

Quello dei Dirt Bagger era forse un sogno troppo utopistico, un esperimento sociale destinato a non ripetersi, ma il loro ideale invece arriva forte oggi, in cui il nostro mondo è minacciato dall’ingordigia umana e il tempo per salvarlo scarso.

La natura selvaggia deve essere tutelata ma aperta a tutti, soprattutto non deve essere piegata alle logiche dell’economia di mercato e del progresso ad ogni costo.

> Leggi anche: In cammino sui sentieri della California

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Indimenticabile Val d’Orcia: 5 escursioni nel cuore della Toscana

Toscana, l’Anello del Rinascimento: 250 km a piedi o in bici tra storia e natura

La Via di Linari: un antico ramo della Via Francigena tra Emilia e Toscana