I medici canadesi hanno un nuova terapia: camminare nei parchi nazionali

In Canada, un protocollo tra sanitari ed ente gestore dei parchi nazionali, consente ai medici di prescrivere ai pazienti camminante nella natura come terapia e di donare loro anche ingressi annuali gratuiti nei parchi nazionali

15 febbraio 2022 - 17:27

Abbiamo già parlato di medici che prescrivono ai pazienti attività outdoor nella natura per combattere patologie psicologiche.

In Canada si sono spinti oltre, la BC Parks Foundation, ente no profit che fa parte dell’ente gestore dei parchi nazionali canadese, ha creato un nuovo programma che permette una collaborazione tra medici di base e aree protette.

L’iniziativa si chiama PaRx, rientra nel programma Healthy by Naturee e offre ad alcuni medici la possibilità di fornire ai pazienti abbonamenti annuali gratuiti per l’ingresso nei parchi nazionali del Canada.

Prama Rahman, coordinatore del programma Healthy By Nature della BC Parks Foundation, ha dichiarato:

“Dato il crescente numero di studi e ricerche che provano gli enormi effetti benefici della natura per la salute fisica e mentale, abbiamo deciso di creare il programma PaRx per migliorare la salute dei pazienti e prevenire l’insorgenza di malattie croniche, in modo da ridurre i costi per il sistema sanitario e aumentare la sensibilità delle persone per l’ambiente”.

In Canada, come in quasi tutto il mondo occidentale, gran parte della popolazione vive nei centri urbani e soffre di deficit da natura.  Inoltre i grandi parchi nazionali hanno un biglietto d’ingresso e frequentarli assiduamente può essere oneroso.

Per questa ragione permettere ai medici di dare accessi gratuiti alle aree protette a determinate categorie di pazienti, è un ottimo strumento per favorire un riavvicinamento alla natura di persone che soffrono di disturbi legati alla sedentarietà

L’obiettivo principale del programma PaRx è trasformare le attività outdoor in un metodo per migliorare la salute pubblica, favorendo il movimento fisico e la frequentazione della natura:

Melissa Lem, direttrice dell’iniziativa PaRx ha affermato:

“Muoversi nella natura non ha controindicazioni, mentre agisce positivamente su moltissime patologie fisiche e mentali. Per godere di questi effetti però non è sufficiente visitare un parco una volta sola, ma ci vuole un’attività continuativa.

In Canada sono oggi oltre 2.500 i medici che hanno aderito a questo nuovo programma e che hanno la possibilità di prescrivere attività nella natura regalando ai pazienti abbonamenti annuali per i parchi.

Questa misura però è rivolta a categorie di persone specifiche, il numero di abbonamenti gratuiti è limitato ed è pensato per coloro che altrimenti non potrebbero permettersi l’accesso ai parchi naturali. Infatti si tratta di un sistema di trattamento continuo, che implica costanti visite nelle aree protette.

La speranza è che il programma possa trasmettere ai pazienti un legame con la natura e far comprendere loro l’importanza delle attività all’aria aperta per il benessere psicofisico.

Questa iniziativa è nata anche grazie agli studi sul bagno nella foresta, nato in Giappone, che sfrutta gli effetti benefici della vita all’aria aperta sulla salute mentale e fisica delle persone.

La connessione profonda con la natura che provano i pazienti aiuta anche ad incrementare la sensibilità per l’ambiente e la tutela della biodiversità.

La dott.ssa Lem ha dichiarato: “Mi piace pensare che ogni volta che io o uno dei miei colleghi scriviamo una ricetta per un parco, stiamo anche facendo la nostra parte per il pianeta. Se ami qualcosa, vuoi proteggerlo”.

 

_ Leggi gli altri articoli sulla salute e il benessere:

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Camminare fa bene: uno dei segreti della longevità

6 motivi per cui camminare fa bene alla salute e i benefici si vedono subito

Camminare ogni giorno allunga la vita