Calze da trekking invernale: 4 consigli per non sbagliare acquisto

Come scegliere una buona calza per le attività outdoor invernali? Vediamo alcuni consigli fondamentali per non sbagliare acquisto e camminare al freddo in comfort e sicurezza

30 dicembre 2023 - 15:00

Come scegliere le calze da trekking per l’inverno

Già realizzare una buona calza da trekking non è certo una passeggiata, ma quando si entra nel campo dell’alpinismo le caratteristiche del terreno d’impiego e le esigenze degli utilizzatori diventano ancora più “estreme”.

Se per l’escursionista il paramento fondamentale della qualità della calza è sicuramente il comfort nella camminata, assieme a una capacità di isolamento termico adeguata ai differenti climi di utilizzo, per chi pratica l’alpinismo le cose diventano un po’ più complesse.

Quando ci si muove su terreni tecnici a quote medio alte o o si praticano attività invernali come l’ice climbing una buona attrezzatura tecnica è ancora più importante.

La calza da alpinismo è un vero e proprio banco di prova delle tecnologie costruttive e dei materiali per qualsiasi azienda operante nel settore delle calze da outdoor.

 

La perfetta calza per l’inverno? Confortevole, calda e sensibile

D’inverno non è raro dover calzare gli scarponi per diverse ore e sottoporre i piedi anche a sollecitazioni traumatiche (come la battuta dei ramponi contro il ghiaccio).

Questo tipo di sollecitazioni richiede una calza in grado di ammortizzare urti e sfregamenti, soprattutto nelle parti del piede più sollecitate come le dita, che durante la scalata su ghiaccio vanno a impattare contro la parte anteriore dello scarpone, il calcagno e il collo.

Inoltre, in questi contesti, queste superfini del piede possono essere sollecitate dallo sfregamento dello scarpone quando si lavora su piccoli appoggi e terreni molto ripidi e verticali.

La calza da alpinismo deve poi garantire un ottimo isolamento termico senza però eccedere in voluminosità: la moderna scalata alpina su terreno misto o ghiaccio richiede grande sensibilità nell’uso dei piedi.

Gli scarponi tecnici oggi in commercio sono strutturati in modo da valorizzare al massimo questo aspetto.

Tutte le loro caratteristiche verrebbero però vanificate se dovessimo indossare calzettoni goffi e voluminosi che ci costringerebbero ad utilizzare scarponi di uno o due numeri più grandi rispetto al nostro piede, proprio come avveniva un tempo.

Vediamo le 4 caratteristiche da tenere presenti nell’acquisto.

 

1 – Isolamento termico, alla ricerca del massimo comfort

L’aria secca rappresenta uno degli isolanti termici più efficaci, creando un barriera ideale per intrappolare uno strato di calore all’interno dell’indumento, garantendo così comfort termico ed isolamento.

Non è tanto lo spessore degli indumenti a determinare il calore, ma piuttosto alcuni fattori chiave.

Innanzitutto l’apporto di calore: optare per materiali naturali come lana o seta, soprattutto nelle zone più sensibili al freddo, come le dita, è essenziale per garantire il giusto livello di calore.

Tra i materiali naturali, la lana merinos spicca come uno dei più caldi disponibili.

Fondamentale anche la traspirabilità, cioè la capacità di disperdere il sudore, fondamentale per mantenere i piedi asciutti.

Scegliere indumenti traspiranti favorisce la regolazione termica, assicurando un ambiente interno confortevole e evitando l’accumulo di umidità.

2 – Come sono fatte le calze: l’importanza della struttura

Ogni parte della calza deve essere fatta a regola d’arte.

Il bordo coste, la parte superiore della calza responsabile di mantenerla in posizione, deve svolgere questa funzione senza stringere o lasciare segni sul polpaccio.

Il gambetto, che si estende dalla caviglia al bordo, deve garantire traspirabilità.

L’inserto sul tallone deve essere resistente per garantire la durabilità della calza, poiché è soggetta a notevole attrito con la scarpa e offrire comfort.

La parte che avvolge il piede dalla caviglia alle dita e si compone di diverse sezioni mantiene la calza in posizione.

Deve offrire calore e, al tempo stesso, favorire la traspirabilità per dissipare eventuali umidità, specialmente causate dal sudore, mantenendo così i piedi asciutti.

Infine la zona che circonda le dita dei piedi deve essere realizzata in un materiale più caldo e capace di trattenere il calore in modo ottimale.

Le dita dei piedi sono infatti particolarmente esposte al freddo e a sudorazione intensa.

L’umidità deve essere adeguatamente dispersa con apporto di calore per prevenire il raffreddamento rapido.

3 – Attenzione alla lunghezza delle calze

La lunghezza della calza è fondamentale per il comfort in rapporto al tipo di attività outdoor invernale.

Le calze Mid, a mezza altezza, sono ideali per scarpe da trekking basse e MID, ma non per i doposci.
Potrebbero non andare bene per chi ha un polpaccio troppo magro o troppo sviluppato.

Le calze alte hanno il vantaggio di offrire un supporto superiore rispetto alla calza MID, oltre a una protezione extra sulla tibia.

 

4 – Quale attività outdoor invernale? A ciascuno la sua calza

La scelta delle calze deve adattarsi al tipo e all’ intensità dell’escursione.

In caso di attività molto intensa è consigliabile optare per calze meno pesanti e più traspiranti.

Al contrario, se stai pianificando un’escursione più tranquilla, la scelta ideale sarà una calza particolarmente calda e isolante.

All’aumentare dell’intensità dell’escursione, diventa sempre più consigliabile indossare calze tecniche, capaci di offrire sia calore che traspirabilità.

Questa scelta mirata assicura il giusto equilibrio per mantenere i piedi confortevoli, regolando la temperatura e disperdendo l’umidità in modo efficiente.

Vediamo dunque una selezione di modelli di calze per il trekking invernale disponibili sul mercato.

 

Cambivo : calze per tutte le esigenze

È un marchio che combina stile, comfort e prestazioni ci impegniamo a fornire Calze Compressione Graduata, Tutore Ginocchio, Tutore epicondilite Gomito ecc per il fitness professionali e confortevoli a tutte le persone in tutto il mondo.

_ Disponibile anche su Amazon:

 

Salewa – Pedroc M Uomo

Struttura in maglia elasticizzata, resistente e ingegnerizzata, rinforzata con punta a contrasto senza cuciture e tallone resistente.

Si adatta comodamente a metà polpaccio.

Ottima traspirabilità al caldo e al freddo.

_ Disponibile anche su Amazon:

 

Danish Endurance, le calze da trekking resistenti in Lana Merino

Questi calzini unisex arrivano all’altezza del ginocchio e sono perfetti per escursionismo, campeggio, trekking, pesca, caccia o solo per portare a spasso il cane.

Sono il regalo perfetto per tutta la tua famiglia, amici o bambini. Disponibili in taglie: 31-34, 35-38, 39-42, 43-47

_ Disponibile anche su Amazon:

 

Danish Endurance, Kit Calze Lunghe in bambù

Queste calze lunghe di bambù sono soffici e morbide e riducono il rischio di vesciche. Le corsie di ventilazione tengono i piedi comodi e asciutti per tutto il giorno in ogni tipo di ambiente e clima

Queste calze sopra il ginocchio di bambù sono sviluppate e raccomandate dall’atleta e imprenditore danese Anders Hofman.

_ Disponibile anche su Amazon:

 

Leggi gli altri articoli su abbigliamento e attrezzature per il trekking

 

Seguici sui nostri canali social!
Instagram –  Facebook – Telegram

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Salewa Puez Trek 2P: la tenda da trekking innovativa, leggera e versatile!

Oltre il fitness tracker. Dispositivi wearable per escursionisti

Com’è fatto lo zaino da trekking e quali sono i modelli migliori