Bastoncini da trekking, pro e contro: quando usarli e quando no

I bastoncini da trekking sono sempre utili? O possono essere anche dannosi? Vediamo quali sono i pro e i contro nell'uso di questa attrezzatura sempre più diffusa.

26 gennaio 2022 - 12:10

Bastoncini da trekking: utili se li si sa usare quando servono

I bastoncini da trekking sono sempre più diffusi tra gli escursionisti ed è giusto che sia così, perché hanno tanti pregi.

Tuttavia non esistono solo gli aspetti positivi.

Vediamo quindi un paio di caratteristiche problematiche legate all’uso dei bastoncini e poi una sintesi dei pro e contro di questi attrezzi.

Il paradosso del consumo energetico

I bastoncini da trekking provocano un maggior dispendio energetico perché coinvolgono anche i muscoli della parte superiore del corpo, cioè braccia e spalle.

Il paradosso è che, da un lato, aiutano a ridurre il livello di sforzo percepito durante la camminata, dall’altro però, il loro utilizzo comporta un aumento dello sforzo fisico.

Trekking in salita: più un ostacolo che un aiuto

Ci sono occasioni in cui i bastoncini da trekking possono essere più un ostacolo che un aiuto.

Questo accade quando si affronta un sentiero in salita.

I bastoncini da trekking non apportano alcun beneficio in questa situazione perché il peso della parte superiore del corpo è stato trasferito dalle gambe – dove sono i muscoli più grandi e forti del corpo – alle braccia, che si stancano più rapidamente.

La presenza dello zaino aggrava la situazione, perché il carico viene trasferito anch’esso sulle braccia bypassando la cintura addominale che è progettata per trasferire invece il carico alle gambe.

Usare i bastoncini in salita significa incurvarsi, mentre in quelle circostanze è importante mantenere il busto il più eretto possibile in modo che i muscoli delle gambe facciano tutto il lavoro necessario.

Stare dritti e fare passi più brevi è la chiave per salire su sentieri ripidi , non sporgersi in avanti sui bastoncini.

I Pro sui bastoncini: perché Sì

  • Riducono il carico sulle ginocchia, in particolare durante le discese
  • Migliorano l’equilibrio quando si cammina su terreni accidentati
  • Aiutano a stabilire e mantenere un ritmo stabile di camminata

I Contro sui bastoncini da trekking: perché No

  • Il movimento del braccio aumenta lo sforzo e la quantità di energia richiesta per muoversi
  • Il movimento risultante riduce l’efficienza biomeccanica nel trasporto dello zaino
  • L’uso improprio delle cinghie può causare lesioni in caso di caduta a causa dell’intrappolamento del polso
  • I bastoncini possono impigliarsi negli alberi e nei cespugli
  • Le punte in carburo sono potenzialmente dannose per le rocce e le piante

Conclusione

I bastoncini da trekking possono essere molto utili per gli escursionisti, soprattutto perché riducono lo sforzo e il carico sugli arti inferiori dovuto alla forza di gravità  durante le discese.

Se invece sono usati in modo errato nelle salite, possono essere controproducenti e creare problemi di sovraccarico alle articolazioni.

Come ogni altro attrezzo da escursionismo, l’uso efficiente dei bastoncini da trekking richiede una tecnica adeguata e la consapevolezza dei rischi a cui si va incontro in caso di utilizzo improprio.

 

_ Scopri quali sono i migliori modelli di bastoncini da trekking:

Leggi gli altri nostri articoli con consigli sul trekking e l’outdoor:

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Alimentazione per il trekking: cosa mangiare per un’escursione

Sei consigli per camminare nei boschi

Slow Travel: come diventare un viaggiatore lento in 7 mosse