Il Grande Anello di Siena: da Isola d’Arbia a Ponte allo Spino

20 maggio 2018 - 15:03

La prima tappa del Grande Anello di Siena, un percorso circolare per scoprire gli angoli più spettacolari della provincia toscana. Nella prima tappa si parte da Isola d’Arbia e si arriva a Ponte allo Spino passando per Radi, Fogliano e Linari.

A Isola d’Arbia, sulla Cassia, si prende la via di fronte al punto in cui si innesta la strada proveniente da Salteano e si prosegue dritto per circa 50 metri, poi a sinistra e poi a destra imboccando il primo sottopasso sotto la ferrovia. Si prosegue avanti fino ad arrivare al torrente Tressa.

Se il torrente non è attraversabile si imbocca la sterrata subito a sinistra dopo il sottopasso fino ad arrivare all’incrocio con la strada “Traversa dell’Isola d’Arbia”, e la si imbocca verso destra. Si oltrepassa il ponte sulla Tressa e giunti alla casa la si aggira verso sinistra iniziando a salire.

Poco prima della sbarra del Podere Nuovo si imbocca la campestre a destra e dopo circa un chilometro si giunge ad un incrocio con due cipressi. Se invece si può traversare il torrente si sale fino ad arrivare allo stesso incrocio. Da qui si va a destra (segno bianco/rosso sentieri Provincia) in direzione della casa colonica a vista (Podere Belvedere).

Qui giunti, lo si aggira sulla destra fino ad arrivare alla strada sterrata per Radi. La si imbocca verso sinistra e dopo circa 50 metri si devia a destra proseguendo fino alla colonica che si aggira a sinistra scendendo nella valle sottostante, per poi risalire dopo circa un chilometro a Poggio ai Frati.

Da qui si scende verso la strada asfaltata e la si percorre in salita (attenzione alle auto!) fino ad imboccare sulla sinistra la via bianca che porta alla fattoria di Mugnano. La strada diventa poi asfaltata e la si percorre tutta fino al ponte che attraversa la superstrada Siena-Grosseto. Da qui si va in direzione Siena e si prosegue sempre avanti tralasciando il bivio a destra per Fogliano, fino alla Via Grossetana che porta verso San Rocco a sinistra e verso Siena a destra.

Prima della Grossetana, arrivati al civico 21 (a destra cancello in salita), si prosegue per circa 20 metri e poi, a sinistra, si entra nel campo e si cammina sul bordo in alto tenendo la scarpata con gli alberi a sinistra, fino a raggiungere la Grossetana proprio davanti alla strada asfaltata per Barontoli.

La si imbocca e si percorre per circa un chilometro fino al bivio “Linari-Barontoli Chiesa”, si gira a sinistra e dopo 100 metri circa ancora a sinistra per la Chiesa di San Pietro. Dalla chiesa si imbocca la strada sterrata in discesa fino al podere Casa Bianca, lo si aggira sulla sinistra e si scende fino al campo.

Si prosegue tenendosi a ridosso della rete sulla sinistra (poi fosso) prima per tracce di sentiero e poi per campestre lungo il bordo del campo fino ad arrivare ad una strada bianca che si prende verso destra e che porta a Linari, dove è consigliata una visita.

Giunti alla strada asfaltata per Linari, la si attraversa e ci si dirige verso La Corte. Da qui, nella piazza si svolta subito a sinistra (indicazione 4 sentieri Provincia) prendendo la strada di campo in discesa. Si prosegue fino ad un incrocio dove si gira a destra sotto gli alberi.

Tenendosi sempre a destra, si fa un’ampia curva sempre a destra e poi si rientra sotto gli alberi, dove dopo un breve tratto si trova un incrocio dove si gira verso sinistra (segno bianco/rosso). Avanti fino ad arrivare alla carrozzabile che da Siena porta a Rosia (località Pian de Mori), si attraversa e si imbocca la sterrata subito di fronte accanto al ponte (indicazione Via Ticino).

Si prosegue sempre dritto accanto al torrente Serpenna per circa un chilometro fino ad arrivare a Ponte allo Spino. Qui si consiglia una breve deviazione a sinistra sulla strada asfaltata per visitare la splendida Pieve di San Giovanni Battista (dai campi non è raggiungibile).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

La traversata del Gran Sasso

La via Francigena in Toscana: da Siena verso la città eterna

L’incanto delle Dolomiti: l’anello delle Tre Cime di Lavaredo