Turismo accessibile: Il Parco di Portofino punta sulla Joëlette

18 marzo 2020 - 4:25

È arrivata da circa una settimana la nuova “Joëlette” per il Parco di Portofino. La sedia monoruota permetterà alle persone con mobilità ridotta di poter visitare i sentieri del parco insieme a tutti i propri compagni di escursione.

Si chiama Joëlette, e grazie alla sua piccola ruota da mountain bike permette a bambini e adulti con mobilità ridotta o disabilità motorie di godersi insieme agli amici, le emozioni del trekking e delle passeggiate nella natura.

L’ultima carrozzella “fuori strada” è arrivata in Liguria meno di una settimana fa, nel Parco di Portofino, dove verrà utilizzata soprattutto nell’ambito del Labter, il Laboratorio Territoriale del Parco di Portofino, che promuove in particolar modo attività educative legate al territorio. Neanche il tempo di spacchettare la sedia “off road” che il 29 marzo la sua ruota ha cominciato a girare sui sentieri del Parco durante un’escursione guidata per i bambini della scuola primaria di Santa Margherita Ligure.

Tra i giovani camminatori, anche un alunno con difficoltà motorie che ha potuto così godersi la camminata insieme a tutti i propri compagni di classe.

La sedia su ruota – costata circa 3.000 euro – è stata acquistata nell’ambito del progetto “Costruiamo insieme una Liguria verde e sicura per tutti” promosso proprio dal Labter con l’aiuto di contributi regionali. A seguito di un’indagine di mercato è stata dunque selezionata la ditta francese Ferriol Matrat di Saint-Étienne, che ha consegnato la carrozzella il 25 marzo. Grazie alla sua struttura, i passeggeri vengono guidati da due accompagnatori: quello anteriore traina e dirige la sedia, mentre quello posteriore assicura l’equilibrio della Joëlette.

Per ulteriori informazioni su proposte di percorso, iniziative e passeggiate guidate, contattare il Labter all’indirizzo labter@parcoportofino.it

Si ringrazia il Labter per la disponibilità e per la concessione del materiale fotografico.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Le Guide Ambientali chiedono che il trekking fuori comune sia consentito anche in zona arancione

Un patto di territorio per un Terminillo sostenibile

Inquinamento dei fiumi: solo il 14% si salva dai danni dell’uomo