Valanga sulla Marmolada: una persona coinvolta

Una valanga si è staccata sul versante trentino della Marmolada. La massa di neve ha investito uno scialpinista, che è stato recuperato dal soccorso alpino e trasportato in ospedale. L'area del distacco è vicina a quella della valanga che a luglio ha provocato 11 vittime

6 dicembre 2022 - 13:51

Una valanga con un fronte di circa 30 metri ed una lunghezza di circa 300 metri si è staccata nella tarda mattinata di oggi martedì 6 dicembre lungo il versante trentino della Marmolada, nella zona del Pian dei Fiacconi, sotto il Sass Bianchet.

Il distacco nevoso ha travolto parzialmente uno scialpinista – un uomo di 30 anni residente in provincia di Padova – che si trovava a una quota di 2.800 metri, circa 200 metri più a monte del rifugio Pian dei Fiacconi.

L’uomo è stato estratto dalla neve in pochi minuti dagli altri tre compagni di escursione che erano con lui, i quali, nel frattempo, hanno allertato il Numero unico di emergenza 112.

La chiamata è partita intorno alle 12 e pochi minuti dopo si è alzato in volo un elicottero del Soccorso alpino che si è recato sul posto per recuperare l’infortunato.

L’elicottero ha calato con il verricello il tecnico di elisoccorso con l’equipe sanitaria per recuperare la persona travolta dalla valanga, trovata in buone condizioni di salute.

I tre compagni invece hanno deciso di scendere in autonomia a valle.

Dopo aver portato l’uomo all’ospedale di Cavalese, l’elicottero è tornato sul posto con a bordo un operatore della Stazione Alta Fassa che ha verificato l’assenza di altre persone coinvolte.

L’intervento si è concluso intorno alle 13.10, senza il bisogno di coinvolgere le unità cinofile, verificata l’assenza di altre persone coinvolte dal distacco.

Dalla prime analisi l’uomo non sembrerebbe aver riportato traumi o ferite, ma solo un grande spavento.

L’area in questione si trova a circa 800 metri dalla zona in cui lo scorso 3 luglio si stacco una seracco che provocò una valanga che investì e uccise 11 persone.

L’intera area è stata riaperta ed è libera dai divieti da 16 novembre, quando il sindaco di Canazei ha revocato i divieti di accesso in vigore dalla tragedia di luglio.

 

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Incidenti in montagna: weekend impegnativo per il soccorso alpino

Come migliorare la qualità delle foto scattate con lo smartphone

Banff film festival: torna la rassegna sul cinema di montagna e outdoor