Una nuova ciclovia dall’Adriatico all’Umbria: ecco la Quadriciclo

18 marzo 2020 - 4:17

Dalle spiagge di Civitanova e Porto San Giorgio fino al cuore dell’Umbria, passando per città ricche di storia come Macerata e Fermo per poi valicare i dolci crinali appenninici, il tutto senza mai scendere dalla sella. È questa l’idea presentata da venti sindaci di Marche e Umbria per rilanciare il turismo locale.

Il progetto si chiama Quadriciclo e ricalca un’opera infrastrutturale altrettanto ambiziosa e impegnativa: la doppia superstrada a quattro corsie che dovrebbe collegare l’Umbria con la costa adriatica passando per due tronchi differenti, la Foligno – Civitanova Marche e la Perugia – Ancona.

È in questo contesto che si inserisce il progetto Quadriciclo, per dare un’alternativa a chi vuole scoprire gli ondulati territori del Centro Italia senza dover necessariamente stare seduto al volante. Il progetto – che per ora è stato solamente pianificato sulla carta – punta a ricevere 5 milioni di euro in finanziamenti (di cui l’80% a fondo perduto) nell’ambito di un bando europeo che scadrà il 31 marzo 2016.

L’opera interesserebbe dunque le comunità appenniniche umbre ma soprattutto i centri delle provincie di Macerata e Fermo. Dopo aver oltrepassato il crinale appenninico da Foligno, la Quadriciclo assumerebbe una forma a quadrilatero raggiungendo Civitanova Marche attraverso Tolentino, Macerata e la Valle del Chienti.

Dopo proseguirebbe lungo la costa fino a Porto San Giorgio, per poi rientrare verso l’interno passando dalla città di Fermo e proseguendo verso la Comunità montana dei Monti Azzurri fino ad Amandola. Da questo paese, affacciato sul Parco Nazionale dei Monti Sibillini, la pista virerebbe verso nord per Sarnano e San Ginesio, per ricollegarsi presso Abbadia di Fiastra al segmento proveniente dall’Umbria.

Per ora non sono ancora stati pianificati tempi per la realizzazione, in quanto si deve ancora attendere l’esito del bando europeo, ma un buon segnale è stato dato da parte dei sindaci dei comuni e dalla Comunità montana Monti Azzurri che si sono impegnati in un tavolo di coordinamento e hanno visto nel progetto una risorsa in più per il territorio.

Questa pista potrebbe andare ad aggiungersi alle altre ciclovie che sono state sovvenzionate con il Ddl Stabilità a inizio 2016, come la VenTo Venezia – Torino, la Ciclovia del Sole da Brennero a Palermo e il Grab – Grande raccordo anulare delle biciclette intorno alla Capitale.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pale di San Martino: le Dolomiti a 360 gradi

Parco Nazionale d’Abruzzo: itinerari e percorsi nel parco

Treno e trekking: otto itinerari da raggiungere in treno