RisorgiMarche: musica e condivisione per ridar vita alle montagne terremotate

19 marzo 2020 - 13:22

Ha preso il via il 25 giugno RisorgiMarche, il festival musicale che fino al 3 agosto vedrà alternarsi grandi nomi della musica italiana tra gli scenari appenninici più suggestivi delle Marche, in particolare nelle aree devastate dai terremoti del 2016.

Le Marche non mollano e anzi si dimostrano più vive che mai, anche di fronte agli intensi terremoti che hanno sconvolto le regioni del Centro Italia nel corso del 2016. È così che nasce RisorgiMarche, un festival musicale itinerante ideato dall’attore Neri Marcorè, che nelle Marche è nato e cresciuto.

I vari eventi – rigorosamente gratuiti – si dividono tra gli anfiteatri naturali più suggestivi dell’Appennino marchigiano, dalla Foce di Montemonaco a Morro Camerino, da Macereto a Pintura di Bolognola, toccando luoghi di grande valore paesaggistico come il Parco Nazionale dei Monti Sibillini, il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e il Parco Regionale Gola della Rossa e di Frasassi.

https://www.youtube.com/watch?v=OmXcJ7xmDkg”/]

Ogni speciale palco sarà raggiungibile dopo un percorso a piedi o in bicicletta lungo dai 3 ai 6 chilometri, ideato per immergersi appieno nelle bellezze naturali marchigiane, circondati dai profili addolciti di montagne e colline. Per non dimenticare i prodotti agroalimentari del luogo, saranno presenti numerosi agricoltori e allevatori che operano localmente, per allietare la musica con la cucina d’eccellenza.

Ad aprire la rassegna è stato Niccolò Fabi con un concerto sui prati di Spelonga, non lontano da Arquata del Tronto. Oltre 2.500 i partecipanti, che a fine concerto hanno lasciato il prato intatto, senza il bisogno di interventi di pulizia, a dimostrazione che lo spirito dell’evento è stato perfettamente compreso.

Per avere maggiori informazioni sulle date e sui vari concerti, è sufficiente visitare il sito www.risorgimarche.it

Si ringrazia RisorgiMarche per il materiale fotografico.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dove il fiume diventa mare: 5 itinerari sui delta fluviali d’Italia

Pantelleria, l’isola vulcano

Osttirol: qui si creano momenti di felicità per escursionisti