Calze da escursionismo: uso e caratteristiche

21 giugno 2020 - 4:33

L’importanza dei calzini, un indumento fra i più bistrattati

Per molto tempo anche gli appassionati di escursionismo non si sono mai dati troppa pena nello sceglierli e solo recentemente case produttrici e clienti hanno cominciato a considerare con attenzione questi prodotti.

Così sono nati tipologie e modelli estremamente diversificati in base alle differenti tipologie di utilizzo.

Il ruolo della calza è essenziale per un’attività come quella escursionistica nella quale i piedi sono sicuramente una delle parti del corpo più soggette a stress.

Cercare di garantire loro il massimo del comfort possibile è il punto di partenza per godere al meglio delle nostre escursioni e le calze tecniche da escursionismo assolvono proprio a questo ruolo, facendo da “cuscinetto” fra la pelle dei piedi, soggetta ad attriti e sfregamenti, e le scarpe. Spetta sempre alle calze il compito di mantenere i piedi a una temperatura confortevole e di fungere da regolatori dell’umidità.

Questo comporta la necessità di utilizzare calze diverse in base alle diverse condizioni di utilizzo.

Calze per escursioni estive leggere

Il loro scopo primario è quello di allontanare dal piede l’umidità generata dalla sudorazione che si genera nel corso di un’escursione con climi caldi.

Si tratta di calze leggere e sottili con una lunghezza che in genere non supera la caviglia, in quanto pensare per un utilizzo abbinato a scarpe abbastanza morbide, confortevoli e “basse” (scarpe da hiking o escursionismo leggero).

È comunque importante che queste calze abbiano una struttura differenziata, con un tessuto più sottile e leggero lungo la pianta del piede e rinforzi sulle dita e sul tallone.

Calze da trekking e alpinismo

Quando le escursioni si fanno più impegnative e gli scarponi più pesanti e rigidi anche le calze si debbono adeguare. Tutta la struttura della calza dunque deve avere maggior consistenza, per accentuare ancor di più l’azione di assorbimento degli sfregamenti e degli urti.

Ai rinforzi in punta e sul tallone è bene che se ne aggiungano altri in punti strategici come i malleoli, il collo del piede e la parte della caviglia a contatto con la linguetta dello scarpone.

In generale, per le camminate impegnative nelle mezze stagioni andranno benissimo calze che arrivano a metà polpaccio, mentre quelle al ginocchio saranno indicate soprattutto per i climi freddi caratteristici dell’escursionismo invernale (gite con le ciaspole) o dell’alpinismo in quota.

Per queste attività a basse temperature sarà importante scegliere calze con caratteristiche specifiche, che alle qualità di morbidezza e traspirazione affianchino una buona coibentazione termica.

Quali materiali scegliere

Tutte le qualità delle calze sopra descritte dipendono in larga parte dai materiali utilizzati per la loro costruzione.

Oggi le aziende specializzate mettono sul mercato prodotti che combinano materiali differenti, in modo da sfruttare al massimo le qualità di ciascuno di essi, compensandone i difetti.

È ormai praticamente impossibile, ad esempio, trovare calze tecniche che utilizzino cotone al 100%.

Questa fibra, infatti, ha una grande capacità di assorbimento dell’umidità che però tende poi a trattenere. Una calza in cotone, una volta impregnata di sudore, diventerebbe quindi fastidiosa e potrebbe incrementare gli sfregamenti, generando arrossamento o addirittura vesciche.

Ecco quindi che, soprattutto per le calze di uso estivo, il cotone viene utilizzato in abbinamento a materiali sintetici che contribuiscono ad espellere l’umidità.

Qualcosa di simile avviene per la lana, materiale ideale per un utilizzo nei trekking impegnativi, viste le sue qualità isolanti che la rendono fresca d’estate, calda d’inverno e che non si alterano neppure quando le calze sono bagnate.

Il problema “storico” delle calze di lana è sempre stata la relativa ruvidità delle sue fibre, che la rende poco piacevole al contatto con la pelle.

Oggi però disponiamo di lavorazioni speciali che consentono di ottenere calze di lana molto morbide e confortevoli e, per quasi tutti i prodotti tecnici presenti sul mercato si utilizza lana di qualità merinos, eccezionale per morbidezza e capacità di isolamento termico.

A parte alcune aziende consacrate al credo della pura lana merinos, in generale le calze da trekking oggi disponibili combinano la lana con altre fibre sintetiche, che migliorano il tempo di asciugatura delle calze e la loro resistenza all’usura.

 

Ecco alcuni modelli:

 

Salewa Trek N Calze

Perfette per i trekking in ambienti più caldi, la speciale costruzione traspirante nel sottopiede e il sistema di ventilazione a rete sul collo del piede garantiscono comfort e smaltimento di calore.

Un’anatomica precisa e una leggera imbottitura protegge il piede nei punti più stressati, l’innovativa tecnologia No Slide migliora la presa tra il calzino e il plantare della scarpa, garantendo precisione su roccia e terreni duri.

Il leggero tessuto sintetico facilita la gestione dell’umidità e del sudore oltre a garantire una camminata al riparo da vesciche, anche sui terreni più impegnativi.

_ Disponibili in offerta su Amazon:

 

Salewa Calze Expedition

Le calze Expedition Sock sono imbottite e progettate per l’alta montagna, realizzate in lana Merino extra-sottile ad asciugatura rapida e filati Resistex® molto resistenti.

Il tessuto French Terry è assorbente e traspirante, mentre il filato Resistex® Bioceramic garantisce un alto isolamento termico, facendo si che la temperatura del piede rimanga costante.

Le fibre di poliestere con cristalli di bio-ceramica, regolano la temperatura corporea riflettendo il calore corporeo in forma di raggi infrarossi lontani FIR (Far InfraRed). I filati Resistex® Copper, garantiscono conduzione termica addizionale e proprietà anti-batteriche.

Con protezione alla tibia, per proteggere dagli sfregamenti quando si indossano gli scarponi più alti, costruzione fasciante 3F per la stabilizzazione della caviglia e imbottiture laterali metatarsali.

_ Disponibili in offerta su Amazon:

 

La Sportiva Mountain Socks Alpinismo

Queste calze garantiscono un grande comfort di calzata grazie alla struttura differenziata e rinforzata tra il piede destro e quello sinistro.

Sono realizzate in spugna ammortizzante con funzione antishock nelle aree più sottoposte a stress durante la camminata: il pre-tallone, il  tallone e le dita dei piedi.

Sulla gamba e a metà piede una fascia elastica stabilizzante mantiene ferma la calza anche quando è molto sollecitata. La temperatura del piede rimane costante grazie al filato traspirante, termoregolatore, resistente, avvolgente e di rapida asciugatura.

_ Disponibili in offerta su Amazon:

 

Salewa Trek Balance

Le calze Trek Balance Sock sono calze in lana merino, acrilico e poliammide, traspiranti e ad asciugatura rapida, con elastan, per il comfort del tessuto stretch.


Ideate per il trekking, l’hiking e le altre attività outdoor di montagna in condizioni non estreme. Presentano inserti in mesh aperto sul collo del piede per favorire la ventilazione e la protezione HHL Technology™ Vital Protection, resistente e di lunga durata, per prevenire le punture degli insetti.

Con costruzione fasciante 3F per la stabilizzazione della caviglia e imbottiture laterali metatarsali.
_ Disponibili in offerta su Amazon:

Calze Miribung Merino Plus
Queste calze sono prodotte quasi interamente in Lana Merino, materiale che garantisce comfort e benessere, i materiali utilizzati sono  traspiranti e disperdono il calore sviluppato durante l’attività mantenendo la temperatura del piede costante.

La struttura della calza è studiata per proteggere il piede nella parti più sollecitate, infatti le calze proteggono e ammortizzano il pieide nei movimenti dentro lo scarpone.

Queste calze sono prodotte tra le montagne dell’Alta Badia, Alto Adige. Un piccolo brand che opera con passione con i più moderni metodi di produzione, utilizzando i migliori materiali sul mercato.

_ Disponibili in offerta su Amazon:

 

X-Socks Trek Retina

Le calze X-SOCKS® TREK RETINA 4.0 sono un prodotto tecnologicamente avanzato e progettate per affrontare itinerari e sentieri difficili, che mettono sotto stress il piede.

Queste calze sono arrivate alla quarta generazione, nate per i trekking di più giorni su terreni impegnativi sono realizzate con tecnologia Retina® . Il tessuto a maglie, costruito con l’innovativo sistema Air-Conditioning Channel® 4.0, permette di disperdere il calore del piede, sempre ventilato e con temperatura costante.

Le parti del piede più esposte a frizione sono protette con il sistema Lambertz-Nicholson 4.0 ottimizzato per il tallone, che con la forma ergonomica proteggere il piede da pressione, impatto e attrito.

Oltre al Protector per il tallone, nella calza ci sono anche i cuscinetti per caviglia AirFlow che rinforzano ulteriormente lo spazio protettivo attorno al tallone e alla caviglia.

_ Disponibili in offerta su Amazon:

 

Calze X-Socks Trek Path

Una calza costruita con tecnologie intelligenti che assistono il piede durante i trekking più impegnativi, le X-SOCKS® TREK PATH fanno parte della generazione X-BIONIC 4.0 e sono dotate di dieci tecnologie brevettate.

La struttura realizzata in filato leggero Mythlan® aumenta il comfort del piede durante il movimento, l’innovativo plantare Suppronation® supporta il movimento naturale di rotolamento del piede, supportando il piede attorno al tallone.

Il sistema di ventilazione Channel® 4.0 ottimizzato per convogliare l’aria esterna sotto la pianta del piede è essenziale per mantenere il piede sempre fresco e asciutto.

La stabilità della camminata è garantita dal sistema di fasciatura high-tech X-Cross, dai cuscinetti per caviglia AirFlow 4.0 migliorati rispetto alle versioni precedenti e dal sistema di protezione del tendine Protector 4.0® Lambertz-Nicholson Achilles.

_ Disponibili in offerta su Amazon:

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

App salvavita: applicazioni essenziali per un trekking sicuro

Scarponi per l’inverno: scegliamo quelli giusti!

Il Cammino dei Briganti: un trekking ad anello tra Lazio e Abruzzo