Trekking d’estate: 6 modi essenziali e sorprendenti per proteggersi dal sole

D'estate la voglia di camminare deve fare i conti con la necessità di proteggersi dai raggi del sole: vediamo 6 modi, alcuni dei quali sorprendenti, per stare sui sentieri quando il caldo si fa sentire, riducendo i rischi per la salute.

17 giugno 2023 - 13:24

Trekking d’estate: proteggersi dal sole in modi a volte sorprendenti

Con l’estate arriva il solito conflitto per chi ama fare trekking.

Da un lato le belle giornate di sole inducono a programmare escursioni nella natura.

Dall’altro si deve tener conto che l’esposizione ai raggi solari rappresenta un rischio reale per la salute.

Di solito, gli escursionisti risolvono la questione cambiando il tipo di trekking rispetto alla primavera e all’autunno: al bando le escursioni rivierasche appenniniche, avanti con le escursioni in quota.

Tuttavia questo pone alcuni problemi.

Da un lato ci si priva a priori di alcune escursioni panoramiche, dall’altro si possono sottovalutare i rischi legati all’irradiazione solare in alta montagna.

In sintesi, la protezione dal sole è fondamentale sempre, qualunque tipo di escursione si faccia in estate.

Vediamo quindi 6 consigli e attrezzi fondamentali per proteggere la propria salute e allungare il piacere del cammino quando si va sui sentieri col caldo d’estate.

 

1 – La crema solare, indicazioni e controindicazioni

La crema è di solito la prima cosa che viene in mente quando le persone pensano alla protezione solare.

Basta spalmarla su tutto il corpo e sei a posto, giusto?

A volte è tutto ciò di cui hai bisogno, ma ci sono alcuni svantaggi nell’utilizzare solo la crema solare come unica forma di protezione solare.

Se stai sudando abbondantemente, devi ricordarti di riapplicarla spesso.

Se stai facendo trekking di più giorni devi portarne molta, aggiungendo peso extra al tuo zaino.

La crema solare non è economica e se la spalmi su tutto il corpo, può finire rapidamente.

Inoltre la maggior parte delle creme solari in commercio è piena di sostanze chimiche. Certo, esistono creme solari naturali, ma di solito costano molto di più.

Una cosa importante da considerare quando scegli la tua crema solare è fare attenzione a quelle etichettate con livelli di SPF molto alti.

Spesso questo è fuorviante e può causare un’esposizione imprudente al sole.

Paradossalmente, chi utilizza una crema a fattore di protezione maggiore può finire per esporsi a rischi maggiori perché finirà per stare più ore al sole, pensando erroneamente di essere al sicuro.

 

2 – Il cappello per il sole: protezione non solo per la testa

Il cappello deve essere in grado di proteggere non solo la testa, ma anche il viso.

A seconda di dove fai escursioni e se il sole è forte, un cappello solare con un ampia falda può essere l’ideale.

Se desideri una copertura ancora maggiore, cerca un cappello che protegga completamente orecchie, il viso e la nuca.

 

3 – Maglietta a maniche lunghe e pantaloni: la protezione che non t’aspetti

Per quanto possa sembrare controintuitivo, indossare una maglietta a maniche lunghe e pantaloni leggeri è una scelta possibile e secondo alcuni la migliore, per proteggersi dal sole.

Oltretutto esistono ormai in commercio materiali tecnici talmente evoluti da adattarsi anche alle specifiche esigenze del trekking d’estate.

Perlomeno, se non sopporti proprio l’idea di cospargerti di crema solare su braccia e gambe.

Da questo punto di vista il tuo fototipo potrebbe essere il vero discrimine.

Se hai una pelle che si abbronza facilmente e gradualmente senza scottature, probabilmente le creme che aiutino questo processo sono la soluzione migliore.

 

4 – Occhiali per il trekking: protezione dal sole con molte altre utilità

Proteggere gli occhi è essenziale e gli occhiali per il trekking non si limitano  a salvare i tuoi occhi dal sole, ma anche dai riflessi dell’acqua,  a ripararsi dalla polvere, dai piccoli animali e dal vento, che possono irritare pericolosamente gli occhi.

Una scarsa visibilità, causata dalla luce che colpisce gli occhi, può provocare degli infortuni o delle cadute che è bene evitare ad ogni costo.

 

 

5 – Ombrello da sole per il trekking: bizzarro ma dà dipendenza

Ebbene sì, esistono anche gli ombrelli da sole per il trekking.

Chi l’ha provato dice che non riesce più a tornare indietro, perché offre una copertura solare ottimale per viso, collo e spalle, e riduce notevolmente l’esposizione al sole.

L’ombrello da trekking è particolarmente utile in ambienti aperti, come le creste esposte e le zone senza alberi.

Può fare una grande differenza nella tua esperienza di escursionismo sotto il sole cocente.

_ Su Amazon è disponibile uno dei modelli più venduti:

 

6 – Guanti solari: li vedremo anche sui sentieri italiani?

Si tratta di una soluzione che in Europa è ancora poco utilizzata, ma che oltroceano è sempre più diffusa.

Sono leggeri e proteggono le mani senza ingombrare troppo, lasciando le estremità delle dita scoperte.

Vedremo se avranno fortuna anche dalle nostre parti.

_ Ecco uno dei migliori modelli in commercio:

 

_ Leggi gli altri nostri articoli con consigli sul trekking e l’outdoor

 

Seguici sui nostri canali social!
Instagram –  Facebook – Telegram

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cosa mangiare durante un trekking invernale al freddo e sulla neve: ecco alcuni consigli fondamentali

Ciaspole: 7 consigli che possono salvarti la vita sulla neve

Per ritrovare creatività ed ispirazione inizia a camminare!