Merano sulle ciaspole: escursione alla Guardia Alta

Una bella escursione sulle ciaspole che porta alla splendida visuale della Guardia Alta, vicino Merano

18 gennaio 2021 - 15:11

Le escursioni invernali con le racchette da neve, più conosciute col termine dialettale di “ciaspole”, stanno coinvolgendo un sempre maggior numero di persone.

Si capisce perché: offrono la possibilità di vivere un contatto diretto con la natura anche nei mesi invernali, semplicemente camminando comodamente negli ambienti innevati fuori dai percorsi battuti.

Merano e i suoi dintorni offrono un variegato ventaglio di itinerari da percorrere con le ciaspole.

Si può vivere il lato più autentico e fascinoso della montagna, scoprendo paesaggi incantati dove padrona è la neve.

La magie dell’inverno non comporta la rinuncia a piacevoli soste enogastronomiche nelle caratteristiche baite e rifugi della zona.

 

L’itinerario: sulla Guardia Alta

Il Monte S.Vigilio è un piccolo paradiso per le escursioni della bella stagione ma anche in inverno offre l‘opportunità di immergersi in un’oasi di silenzio e tranquillità da esplorare con le ciaspole.

Il dislivello in salita di circa 300 metri lo rende di media difficoltà, ma il panorama ripagherà degli sforzi.

L’inizio dell’itinerario è a Lana, da dove con la funivia si sale fino alla stazione a monte a quota 1.500 metri.

Da lì si può partire subito con le ciaspole imboccando il sentiero nr.34 oppure accorciare il percorso, percorrendo il primo pezzo in seggiovia.

Dal ristorante Sessellift si raggiunge comodamente la chiesetta di S. Vigilio e si prosegue fino al ristoro Seespitz presso il biotopo del Lago nero, dove pattinatori e giocatori di Eisstock si divertono a sfrecciare sul lago ghiacciato.

Il sentiero nr.7 ci riporta alla seggiovia, mentre gli esperti escursionisti che desiderano cimentarsi con una variante più impegnativa possono intraprendere il sentiero nr.9 che conduce alla cima della Guardia Alta (Hochwart) a quota 2.608 metri.

Si raccomanda una particolare attenzione in caso di nebbia.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sulla vetta del Monte Cusna, il più alto del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano

Sulla vetta del Monte Cusna, il più alto del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano

Valle d’Aosta: itinerario al Gran San Bernardo, da Saint Rhemy all’Ospizio