Storie di passi, alla Rocca dell’Abisso

20 maggio 2019 - 14:56

L’escursione alla Rocca dell’Abisso, immersa nello scenario delle Alpi Marittime, al confine tra Val Vermenagna (Italia) e Val Roya (Francia).

Dal Colle di Tenda (m 1871), raggiungibile tramite una carrozzabile da Limone Piemonte, si segue la strada sterrata ex militare, che volge a ponente poco sotto lo spartiacque sul versante piemontese e in breve raggiunge La Colletta (m 1907).

Si continua volgendo a destra con lunghi tornanti che conducono dapprima al Forte Pernante, poi tra le punte Bussàia (m 2104) e Salauta (m 2176), oltre le quali si entra in quota nel Vallone dell’Abisso. Da questo punto si prosegue sull’ampia mulattiera (ex carrabile) che, piegando verso Sud-Ovest, passa alla base del Monte Becco Rosso (m 2133) e raggiunge l’insellatura dello spartiacque Vermenagna-Roya detta Bassa Sovrana di Margheria (m 2079).

Qui la mulattiera, che percorre la sede dell’ex carrettabile sorretta da alti muraglioni di pietre in parte franati, volge a ponente inoltrandosi alla testata del valloncello dell’Abisso e si avvicina al laghetto dove, con inversione verso Sud-Est, s’inerpica fino a sbucare sull’ampio spartiacque erboso detto Prà Giordano; alla sua estremità meridionale sorge il pentagonale Fort de Giaure (m 2253).

A monte del forte si continua il cammino lungo la traccia segnalata che sale verso Nord-Ovest l’ampio dossone di Prà Giordano e si avvicina al frastagliato spartiacque roccioso a meridione della cima, che evita verso destra (N) attraversando, circa a quota 2580, un avvallamento di rocce rotte (alcuni segni rossi e gialli indicano la direzione del percorso).

Raggiunta la china terminale, di sfasciumi e detriti, il sentiero, ora più marcato, sale con alcuni tornanti, poi, con un traverso verso sinistra, si porta sul roccioso spartiacque principale (cresta Sud-Est), dal quale raggiunge la spalla (m 2753, croce metallica). Proseguendo su roccette elementari si arriva in breve sulla piccola vetta (m 2755, termine di confine nr.175).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Garfagnana Trekking: tutte le tappe

La traversata del Gran Sasso

L’incanto delle Dolomiti: l’anello delle Tre Cime di Lavaredo