Dolomiti friulane: un weekend “stacco la spina” per imparare a ciaspolare

Il Parco delle Dolomiti Friulane organizza, il 26 e 27 febbraio, un weekend di ciaspole con formazione. Si camminerà e pernotterà nel silenzio delle foresta e delle montagne, imparando le tecniche di progressione su neve e ghiaccio, per utilizzare le racchette da neve in piena sicurezza.

27 gennaio 2022 - 9:14

Imparare ad andare sulle ciaspole sulle Dolomiti Friulane: un weekend magico

Il messaggio che occorre inviare via Whatsapp per prenotarsi dice tutto: “stacco la spina per due giorni”.

Ed in effetti è proprio così.

L’escursione – weekend sulle ciaspole organizzata dal Parco delle Dolomiti Friulane per il 26 e 27 febbraio è una vera immersione nella natura invernale.

Lontano dalle città, si esplorerà la montagna coperta dal magico manto bianco, ma non solo.

L’escursione includerà anche un corso utile a conoscere gli accorgimenti e le tecniche per affrontare l’ambiente invernale.

Un vero e proprio corso di progressione su terreno ghiacciato e innevato a cura di preparate Guide Alpine.

L’itinerario e le lezioni di progressione su neve e ghiaccio

Dopo il ritrovo presso il Centro visite di Claut si proseguirà sino in Località Lesis (650 m.).

Da qui, dopo aver lasciato le auto, ci s’incamminerà lungo la pista forestale di accesso al Rifugio Pradut.

Potremo seguire la comoda strada forestale ed a tratti il più ripido e diretto sentiero per apprendere le tecniche di progressione base su terreno innevato con racchette da neve.

Il freddo si farà sentire, probabilmente anche i piedi saranno sofferenti, ma quando si arriverà a scorgere il Rifugio Pradut (1450 metri) l’emozione sarà memorabile.

Stare in mezzo ai boschi fa sentire bene e le camminate in salita sono puro ossigeno.

Dopo una meritata sosta ristoratrice, si avrà modo, nel pomeriggio, di effettuare una breve lezione di nivologia e di sicurezza in ambiente innevato.

Cena e pernottamento nell’accogliente rifugio per riposare e recuperare le forze necessarie per affrontare, il giorno dopo (compatibilmente con le condizioni nivo-meteo), i pendii settentrionali del Monte Resettum.

Si uscirà dal bosco per raggiungere la Forcella Baldas e da qui rientrare lungo un percorso ad anello che passa per Casera Colciavath.

 

Come prenotare

Per maggiori informazioni si può chiamare la guida Marco Kulot al 3472321481.

Per prenotare questo weekend selvatico è necessario inviare su WhatsApp al numero 3316481395 un messaggio con scritto STACCO LA SPINA PER DUE GIORNI aggiungendo l’emoji🔌☀️

 

Notizie utili

Tipologia: escursione invernale
Difficoltà: impegnativa per allenati
Dislivello: 800 metri in salita il primo giorno; 400 metri in salita e 1.200m. in discesa il secondo giorno
Durata: 2 giorni
Abbigliamento e attrezzatura: adatto alla stagione invernale con giacca antivento e piumino, maglia di ricambio, guanti e berretto, scarponcini invernali, torcia frontale. Consigliabile thermos di bevanda calda e pranzo al sacco o snack.
Ritrovo: Centro visite Claut alle ore 9:00
Tariffa: € 15,00 euro a persona al giorno

Tariffa per la mezza pensione al Rifugio Pradut con cena (primo, secondo e contorno) pernottamento colazione e pranzo al sacco del secondo giorno (panino, ½ acqua, dolce e frutto) € 65,00 a persona
Per il pernottamento: portarsi sacco lenzuolo o sacco a pelo, ciabatte, asciugamani

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dolomiti del Brenta: riapre il Rifugio Maria e Alberto ai Brentei

Dolomiti: arriva il Bike e Music Festival in Paganella

Suoni delle Dolomiti: torna la musica sulle montagne più belle del mondo